Prestiti

TAN e TAEG: cosa sono, come funzionano, differenze

Tra gli elementi che compongono un prestito, ritroviamo TAN e TAEG. Rappresentano rispettivamente il Tasso Annuo Nominale e il Tasso Annuo Effettivo Globale d’interesse. Costituiscono due parametri di interesse essenziali nei finanziamenti perché indicano quanto verrà a costare un prestito.

Per scegliere il prestito migliore, quindi, bisognerà tenere d’occhio questi valori e confrontarli.

Descriviamo meglio cosa sono TAN e TAEG. In questo modo, potrai scoprire quali sono le differenze tra questi due tassi d’interesse applicati per i prestiti.

TAN e TAEG: cosa sono

Il TAN (Tasso Annuo Nominale) indica il tasso d’interesse puro applicato da banche e società finanziarie all’importo del finanziamento. In altre parole, è l’interesse annuo calcolato sull’importo lordo del prestito, la somma in più da riconoscere al finanziatore. Non viene pagato a fine anno in un’unica soluzione, bensì viene inserito in ogni rata in scadenza.

In Italia, si applica il piano di ammortamento alla francese: all’inizio del periodo di rimborso, la quota d’interesse restituita nella rata supera quella della quota capitale e diminuisce man mano che si pagano le rate. Difatti, nelle ultime rate viene rimborsata soltanto la quota capitale del mutuo o del prestito. Cosa comporta questo meccanismo alla francese? Con questo sistema, il tasso effettivo d’interesse non coincide con il tasso di interesse nominale, anzi risulta maggiore.

IL TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) è un tasso d’interesse che funziona da indicatore del costo complessivo del prestito o mutuo. Comprende tutte le spese obbligatorie per la stipula del contratto. Permette a chi decide di richiedere un prestito di conoscere con precisione quanto costerà effettivamente il finanziamento. In dettaglio, il TAEG comprende: apertura e tenuta del conto corrente, gestione pratica, polizze aggiuntive, costi sulle operazioni di pagamento. Tutte informazioni che il documento precontrattuale deve indicare.

E’ con il TAEG che è possibile calcolare con esattezza il costo effettivo di un prestito. Questo indicatore è essenziale per confrontare le varie offerte sul mercato del credito.

TAN e TAEG: differenze fra i due tassi d’interesse

La differenza principale tra TAN e TAEG l’abbiamo già spiegata.

Il TAN indica in percentuale e su base annua gli interessi del prestito, mentre il TAEG indica il costo globale del finanziamento includendo tutte le spese obbligatorie.

La seconda importante differenza è associata alla funzione dei due tassi d’interesse.

Il TAN è il parametro di calcolo degli interessi dovuti, ha un effetto diretto sul costo del finanziamento e sull’ammontare delle rate da pagare. Non comprende gli oneri accessori.

Il TAEG funziona, invece, da indicatore informativo: non viene usato per il calcolo del tasso d’interesse del prestito, ma ne indica il costo complessivo che include (oltre al TAN) spese obbligatorie come quelle di istruttoria, apertura pratica e di incasso delle rate, polizze assicurative, oneri fiscali come l’imposta di bollo. Viene espresso in termini percentuali e calcolato su base annua in rapporto alla durata del finanziamento ed alla periodicità delle rate.

Per legge, nel documento precontrattuale (SECCI o IEBCC) che le banche devono consegnare al richiedente e nel contratto definitivo, TAN e TAEG devono essere chiaramente indicati.

Richiedi oggi la tua consulenza con Alphacredit! Gli esperti sono a tua disposizione per poter portare a termine i tuoi progetti!

    instagramyoutubelinkedin

    Trova la tua rata

    Mutui/Prestiti

    Trova la tua rata

    Mutui/Prestiti