Superbonus 110%

Superbonus 110%: la circolare dell’Agenzia delle Entrate  

Superbonus 110%: la circolare dell’Agenzia delle Entrate  

Con la circolare 24/E dell’8 agosto l’Agenzia delle Entrate chiarisce alcuni punti relativi al Superbonus 110%. Si tratta di chiarimenti fondamentali per far partire i lavori di riqualificazione energetica delle unità immobiliari e delle parti comuni nei condomini. Insieme al provvedimento attuativo che indica le modalità per usufruire dello sconto in fattura o cessione del credito, la circolare dà il via libera all’agevolazione anche per autonomi e imprenditori. Rientrano nel superbonus anche le spese accessorie (costi dei materiali, progettazioni, perizie, sopralluoghi, ispezione e prospezione). La detrazione opera per spese sostenute dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021, indipendentemente dalla realizzazione degli interventi.

Superbonus 110%: regole per partite IVA e condomini

Concesso il Superbonus anche a chi svolge attività di impresa, arti e professioni ma solo per gli interventi sulle parti comuni degli edifici deliberate dai condomini. Per le unità immobiliari, il bonus è riconosciuto agli immobili che riguardano la sfera privata dei contribuenti, non l’attività esercitata.

Ecobonus 110% anche per futuri proprietari, familiari e conviventi

Ha diritto all’agevolazione il futuro proprietario dell’immobile oggetto dell’intervento a patto che sia stato stipulato e regolarmente registrato un contratto preliminare di vendita. Possono accedere al Superbonus 110% anche familiari e conviventi di fatto del possessore o detentore della casa, se sono loro a sostenere le spese degli interventi sull’immobile. La circolare dell’Agenzia delle Entrate sottolinea che hanno accesso al bonus se risultano conviventi alla data di inizio lavori o, se precedente, all’atto del sostenimento delle spese. L’incentivo è concesso anche per interventi su immobili diversi dall’abitazione principale ma non è accessibile se sono locati o concessi in comodato.

Beneficiari e soggetti esclusi dal Superbonus

Tra i beneficiari, rientrano persone fisiche, condomini, Onlus, società ed associazioni sportive dilettantistiche, comunità energetiche rinnovabili, Istituti autonomi case popolari o enti simili, cooperative di abitazione a proprietà indivisa. Oltre a chi svolge attività di impresa, arti e professioni (unità immobiliari, non parti comuni del condominio), sono esclusi i contribuenti titolari unicamente di redditi assoggettati ad imposta sostitutiva (regime fiscale forfetario) o a tassazione separata, oppure i no tax area. In questi casi, sarà possibile però cedere la detrazione fiscale, anche tramite sconto in fattura.

Quali sono gli interventi agevolati

La circolare dell’Agenzia delle Entrate conferma quali sono gli interventi agevolati finalizzati alla riqualificazione energetica: – isolamento termico (inclusa la coibentazione del tetto); – sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale condominiali (inclusa canna fumaria collettiva) con impianti compatibili con caldaie a condensazione. Per edifici unifamiliari o unità immobiliari di edifici plurifamiliari sono inclusi gli interventi per installare caldaie a biomassa per aree non metanizzate; – impianto fotovoltaico.

Contattaci ora per sapere come utilizzare al meglio il tuo Superbonus 110%!

instagramyoutubelinkedin

Trova la tua rata

Mutui/Prestiti

Trova la tua rata

Mutui/Prestiti