Prestiti

Prestito d’onore, come funziona

Prestito d’onore, come funziona

Introdotto nel 1996 e disciplinato dal Decreto Legislativo n. 185/2000, il prestito d’onore è un finanziamento agevolato. Consente di ottenere un sostegno economico per aprire un’attività commerciale o imprenditoriale oppure di investire su imprese al fine di favorire l’occupazione giovanile e femminile.

L’obiettivo è contribuire a creare nuovi posti di lavoro attraverso l’autoimpiego.

Chi può richiederlo? Come funziona e quali sono i vantaggi?

Chi può richiedere il prestito d’onore, requisiti

In Italia, il prestito d’onore viene gestito ed erogato da Invitalia.

Generalmente viene concesso a giovani che:

  • non hanno possibilità economiche e vogliono laurearsi o seguire un corso di formazione dopo la laurea;
  • intendono avviare un’attività autonoma o un’impresa;
  • vogliono lanciarsi in un’attività di franchising.

Due requisiti essenziali sono la residenza in Italia e la maggiore età.

Il finanziamento agevolato si può ottenere partecipando ad un bando di concorso. Ulteriori requisiti vengono indicati nel bando in corso.

Studenti

Il prestito d’onore è accessibile a studenti meritevoli, che non hanno possibilità economiche.

Prevede il pagamento delle tasse universitarie per tutto il corso di laurea o master di 1° o 2° livello. Viene erogato tramite apertura di un conto corrente con accredito in varie tranche a cadenza prestabilita dalle parti.

La somma del finanziamento verrà restituita al termine degli studi dando modo allo studente di trovare un lavoro per onorare il rimborso. Il tasso d’interesse è agevolato ed è previsto un 10% a fondo perduto.

Giovani imprenditori

Olte agli studenti, anche giovani imprenditori (di età inferiore ai 35 anni) e donne possono accedere al prestito d’onore per avviare un’attività imprenditoriale o un’attività lavorativa in proprio nell’arco di 45 giorni dalla data di concessione del finanziamento.

Il prestito è riservato a persone fisiche ed a società costituite da non oltre 12 mesi (ad esempio microimprese innovative o aziende situate in aree geografiche svantaggiate).

L’incentivo è rivolto ai settori dell’industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli, turismo, servizi e commercio.

Anche in questo caso, oltre al tasso agevolato, si prevede un fondo perduto del 10%.

Una volta erogata la somma, dovrà essere utilizzata per spese specifiche come allacci utenze, macchinari, ristrutturazione immobili.

Prestito d’onore per il franchising

Il prestito d’onore per il franchising, solitamente, viene erogato dalle Regioni o mediante i contributi concessi dall’UE.

In tal caso, non è previsto un limite sull’importo del prestito. Tutto dipende dal tipo di finanziamento necessario e dal tipo di attività da avviare.

Una piccola somma è a fondo perduto ed il finanziamento viene erogato con l’accensione di un mutuo a tasso agevolato di durata variabile.

Prestito d’onore: vantaggi e svantaggi

Sono principalmente due i vantaggi:

– nel primo anno, si potrà ricevere un importo a fondo perduto, senza restituzione;

– sul rimanente ammontare si applica un tasso agevolato con interessi inferiori rispetto a quelli applicati da banche e società finanziarie.

Esiste anche il rovescio della medaglia, gli svantaggi:

  • la cifra ottenibile è limitata alla disponibilità del bando, quindi occorre limitare le spese di avvio dell’attività;
  • non è facile accedere a questo tipo di prestito: ogni anno, viene approvato soltanto un certo numero di progetti;
  • bisogna preparare un business plan efficace che descriva caratteristiche e contenuti del progetto;
  • c’è l’obbligo di svolgere l’attività per almeno 3 anni, nonostante eventuali ostacoli.

Alphacredit non propone prestito d’onore ai propri clienti ma intende puntare alle migliori opportunità di credito per finanziare i progetti e ogni vostra possibile necessità. Contattaci oggi stesso!

    instagramyoutubelinkedin

    Trova la tua rata

    Mutui/Prestiti

    Trova la tua rata

    Mutui/Prestiti