Leasing

L’idea del leasing strumentale: numerosi i vantaggi

L’idea del leasing strumentale: numerosi i vantaggi

Obiettivo: riorganizzare le imprese. Dopo l’emergenza sanitaria, che ha bloccato l’economia italiana nel 2020, bisogna ripartire nel migliore dei modi. Il leasing strumentale, per il finanziamento di immobilizzazioni tecniche nuove, consente di sostenere l’azienda ed aiutarla nel processo di innovazione, nel quale oggi siamo coinvolti.

L’azienda è composta anche da beni strumentali, come macchinari, impianti di produzione, macchine da movimento e mezzi d’opera come  che devono essere sempre all’avanguardia, così da poter offrire il proprio contributo per la qualità dei prodotti e dei servizi offerti. Il leasing può aiutarci nell’acquisto e nella messa in opera di nuove apparecchiature, indispensabili per poter assicurare la competitività dell’azienda, adattandola a mercati sempre più dinamici.

Come funziona il leasing strumentale?

Sono tanti i vantaggi del leasing strumentale: c’è infatti la possibilità di stabilire un piano rateale che segue l’andamento del flusso di cassa della struttura finanziata; si va a salvaguardare il capitale, non più immobilizzato per l’acquisto delle apparecchiature; si ottengono indubbi vantaggi fiscali, con un sicuro miglioramento degli indici di bilancio.

A livello normativo, la legge di bilancio 2020 ha sostituito il “super e iper ammortamento” con il “credito di imposta 2020”, valido anche per gli investimenti con leasing finanziario di beni strumentali all’attività di impresa, con l’esclusione dei mezzi di trasporti.

Sono previsti benefici ad intensità crescente, in base al tipo di investimento che si intende attuare. Possono godere dell’agevolazione gli investimenti effettuati nel periodo di imposta 2020, nonchè quelli eseguiti fino al 30 giugno 2021 con ordine accettato dal venditore entro il 30 dicembre 2020, con un acconto giù pagato di almeno il 20% del costo di acquisizione.

  • un credito d’imposta del 6% del costo di acquisizione sostenuto dal locatore per gli investimenti in beni che precedentemente godevano del super-ammortamento (beni materiali strumentali non appartenenti ad Industria 4.0);
  • un credito d’imposta del 40% del costo per gli investimenti in beni che precedentemente godevano dell’iper-ammortamento (beni materiali strumentali appartenenti ad Industria 4.0) una quota investimenti di 2,5 milioni
  • un credito d’imposta del 20% del costo per la quota di investimenti eccedenti i 2,5 milioni e fino al limite massimo di 10 milioni.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sui leasing? Scopri le opportunità che ti offre AlphaCredit!

instagramyoutubelinkedin

Trova la tua rata

Mutui/Prestiti

Trova la tua rata

Mutui/Prestiti